web analytics
Actionaid, videomessaggio da Babbo Natale
Home | Events & Web Marketing | Actionaid, videomessaggio da Babbo Natale
Per una volta a chiederci di fare qualcosa è babbo Natale in persona. In un video per Actionaid, organizzazione internazionale impegnata nella lotta alla povertà, ci chiede di fare un piccolo sforzo per aiutare tutti quei bambini che ne hanno bisogno.

Actionaid, videomessaggio da Babbo Natale

Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Per una volta a chiederci di fare qualcosa è babbo Natale in persona. In un video per Actionaid, organizzazione internazionale impegnata nella lotta alla povertà, ci chiede di fare un piccolo sforzo per aiutare tutti quei bambini che ne hanno bisogno.

Actionaid, organizzazione internazionale da sempre impegnata in prima fila nella lotta alla povertà e per il rispetto dei diritti di ogni essere umano, ha deciso di lanciare una campagna video con l’obiettivo di sensibilizzare il maggior numero di persone sull’adozione a distanza. E approfittando del Natale, nel video il protagonista è proprio il personaggio simbolo che rappresenta questo periodo, Babbo Natale, che di solito porta i regali a tutti i bambini del mondo. Ma stavolta le cose cambiano, perchè è proprio Babbo Natale che ci chiede di fare qualcosa, un piccolo sforzo per aiutare tutti i bambini del mondo, soprattutto quelli meno fortunati, e dare loro quella felicità che meritano.

Nel Sud del mondo molti bambini vivono in drammatiche condizioni di povertà ed emarginazione. Non hanno accesso al cibo, all’acqua potabile, alle più elementari cure mediche e a un’istruzione di base. Negando loro questi diritti, li si priva di tutto. Con l’adozione a distanza è possibile cambiare questa realtà. Perché l’adozione a distanza non si limita alla distribuzione di aiuti e beni di prima necessità per arginare l’urgenza del momento.

L’adozione a distanza prevede l’individuazione di un’area di intervento specifica – un villaggio, una regione – e la programmazione, condivisa con famiglie coinvolte, di una serie di interventi a lungo termine che eliminino le cause della povertà e gettino le basi per un futuro più dignitoso e giusto per tutti. Attraverso un bambino adottato a distanza, tutta la sua famiglia e la comunità in cui vive avranno l’opportunità di costruirsi un domani diverso.

Il periodo natalizio è uno dei periodi più importanti dell’anno durante il quale si riescono a raggiungere e sensibilizzare moltissime persone sul gravissimo problema della povertà nel mondo.

Purtroppo da soli non ci si riesce. I bambini sono davvero troppi e c’è bisogno, davvero, dell’aiuto di tutti, proprio quello che chiede Babbo Natale, in una veste del tutto inedita, nel video. Infatti, usa mezzi innovativi e tecnologici come internet e l’iPhone per sensibilizzare tutti su qeusto tema e risultare più simpatico e vicino a noi.

L’idea, riuscita secondo me, è che il video sembri proprio un vero videomessaggio. Babbo Natale è sì preoccupato, ma fiducioso che chi lo guarda possa davvero aiutarlo attivando un’adozione a distanza e divulgando il suo video tra amici e conoscenti.

Allora, se è Babbo Natale che te lo chiede, perché non attivare un’adozione a distanza? 😉

About Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

analytics experience 2016 roma

AnalyticsX, la Digital Transformation passa dall’analisi dei dati

L'evento annuale di SAS Italy che si è tenuto a Roma nei giorni scorsi ha messo in evidenza come ci stiamo sempre più avvicinando, e relazionando, sul tema degli analytics in ottica di esperienza. Il tema dell'evento targato 2016 era appunto "Analytics Experience - The analytics culture driving transformation", l'attività di analytics è quella che abilita il processo di trasformazione, si parla di digital transformation, delle aziende oggi, un processo non più rinviabile.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend