web analytics
Android in continua crescita
Home | News | Android in continua crescita
Mentre tutto il mondo attende con ansia il nuovo iPhone 4, Motorola lancia il nuovo Droid X con sistema operativo Android. La battaglia è dunque aperta, ma Android è in crescita.

Android in continua crescita

Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Mentre tutto il mondo attende con ansia il nuovo iPhone 4, Motorola lancia il nuovo Droid X con sistema operativo Android. La battaglia è dunque aperta, ma Android è in crescita.

Android

Da un pò di tempo Google ha lanciato la sfida anche sul terreno degli smartphone con la sua piattaforma Android, terreno occupato massicciamente dagli iPhone di Steve Jobs. E proprio mentre sta per arrivare il nuovo iPhone 4, ecco che Motorola lancia il nuovo Motorola Droid X, il nuovo prodotto della casa americana che dovrà sfidare proprio la Grande Mela. Compito non facile, visto il grande mercato conquistato con iPhonem, ma anche il sistema Android è in grande crescita e ce lo ricorda proprio Google che sul proprio blog ufficiale fa qualche considerazione più precisa.Innanzitutto, ad oggi sono disponibili 60 dispositivi Android, frutto della collaborazione con 21 produttori e 59 carrier che distribuiscono questa piattaforma in 49 paesi. La risposta da parte dei consumatori è stata fino ad oggi estremamente positiva, basti pensare che Android raggiunge la quote di 160.000 nuovi utenti ogni giorno, equivalente all’attivazione di circa due nuovi device al secondo (se pensate che erano 100.000 a maggio, nel periodo della conferenza I/O tenutasi a San Francisco, questa crescita del 60% appare particolarmente interessante).

Altro terreno di battaglia con Apple è quello delle applicazioni. Google annuncia nuovi traguardi anche per le Apps disponibili su Android Market, oggi circa 65.000, rispetto alle 50.000 di maggio e le 30.000 di marzo, a sostegno di una crescita esponenziale che conferma l’interesse della community di sviluppatori verso questa piattaforma. Google ha da poco aperto a tutti i produttori di device android nel mondo la nuova versione 2.2 della piattaforma, conosciuta come Froyo, e presentata nel corso della conferenza I/O del mese scorso. Questo significa che i consumatori potranno beneficiare di nuove funzionalità e gli sviluppatori utilizzare nuovi strumenti per sincronizzare applicazioni e dati in modo ancora più semplice su Internet.

Insomma, a quanto pare ne vedremo di tutti i colori e Google non sembra affatto rassegnata a cedere terreno ad Apple.

Alcuni dati tecnici di Motorola Droid X:

Smartphone top di gamma basato su piattaforma Android e dotato di uno schermo touchscreen da 4,3 pollici con risoluzione di 854×480 pixel e processore da 1GHz. Il Droid X dispone poi di una fotocamera da 8 megapixel con possibilità di registrare video a 720p ed uscita HDMI. Come accade anche per l´Evo 4G, il nuovo telefono di Motorola ha il proprio hotspot Wi-Fi to per condividere la connessione 3G con un massimo di altri 5 dispositivi. Completano la dotazione hardware 3 microfoni utili alla cancellazione del rumore, 8GB di memoria interna alla quale si aggiungono ulteriori 16GB che il produttore fornisce in dotazione su una scheda microSDHC ed una batteria da 1.500mAh.

Per quel che riguarda il software, il Droid X utilizza il sistema operativo Android 2.1 che sarà aggiornato con la versione 2.2 e Flash 10.1 entro la fine dell´estate. Motorola ha integrato già diverse applicazioni nello smartphone come quella per acquistare o affittare film direttamente da Blockbuster, o NFL Mobile per vedere e condividere video sportivi via DLNA o ancora Skype per le telefonate VoIP. Android 2.1 offre anche supporto per Exchange e Gmail Enterprise. La disponibilità del Motorola Droid X è prevista a partire dal 15 Luglio negli Stati Uniti attraverso la rete del carrier Verizon. Il prezzo sarà fissato in 199 dollari con abbonamento.

Enhanced by Zemanta

About Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

referendum costituzionale social media franzrusso it 2016

Social Media e Referendum, il No prevale ma il Sì recupera

La seconda, e ultima, parte dell'analisi di Blogmeter su come gli utenti social media hanno vissuto la campagna referendaria per il Referendum Costituzionale del prossimo 4 dicembre, evidenzia che il No prevale ancora ma il Sì in queste ultime settimane ha recuperato e ha accorciato le distanze.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend