web analytics
Cloud Communication, da opportunità a necessità
Home | Events & Web Marketing | Cloud Communication, da opportunità a necessità
Cloud Communication budget - Politecnico di Milano

Cloud Communication, da opportunità a necessità

Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Da una ricerca, del Politecnico di Milano presentata oggi, condotta su un campione delle principali aziende italiane, risulta che i servizi di Cloud Communication sono più utilizzati dalle grandi aziende. Le Pmi restano ancora legate ai servizi consumer con scarsa integrazione tra i sistemi informativi

Cloud Computing CommunicationPresentati oggi presso l’Aula Rogers del Politecnico di Milano i risultati della Ricerca condotta dall’Osservatorio Unified Communication & Collaboration della School of Management del Politecnico di Milano. L’Osservatorio da tre anni si occupa di monitorare lo stato di adozione delle soluzioni di Unified Communication & Collaboration nelle aziende e Pubbliche Amministrazioni italiane e costituisce il punto di riferimento per lo sviluppo della cultura sul tema della comunicazione e collaborazione unificata. La Ricerca si è basata su un’analisi empirica che, attraverso survey, interviste telefoniche e case-history, ha coinvolto i responsabili dei Sistemi Informativi di 107 organizzazioni di grandi dimensioni operanti in Italia e 261 PMI andando ad analizzare in dettaglio: diffusione delle iniziative, livello di integrazione nei processi aziendali, budget allocati e cercando di comprendere il ruolo giocato dai nuovi trend mutuati dal mondo consumer nella diffusione di iniziative di Unified Communication & Collaboration.

Cloud Communication - Politecnico di MilanoI risultati emersi dalla rilevazione, in continuità con lo scorso anno, confermano una diffusione sempre più ampia di queste soluzioni nelle grandi aziende (oltre il 95% delle aziende ha attivi dei progetti in questa area) ma  d’altra parte l’impatto reale che queste hanno sui mo­delli organizzativi appare ancora limitato. Accanto a questa realtà esiste poi il mercato delle PMI che presentano un tasso di penetrazione delle soluzioni di Unified Communication & Collaboration di tipo “business” solo nel 31% del campione. Il dato si differenzia molto rispetto alle grandi imprese ma, come si vedrà in seguito, cela un mercato potenziale ben più ampio.

Tale diffusione, tuttavia, non si traduce ancora nella capacità di cogliere appieno le potenzialità di ripensare processi e relazioni in un’ottica di lungo periodo, ma ci le aziende si limitano a percepire i soli benefici legati all’efficienza e alla riduzione dei costi di comunicazione. Dall’analisi svolta sul campione delle grandi imprese, infatti, risulta che solo il 15% fa un utilizzo della Unified Communication & Collaboration che può essere conside­rato maturo dal punto di vista dell’adozione, della pervasività nei processi e dell’integrazione tra le soluzioni. All’opposto, il 25% delle imprese si trova ancora a un livello embrionale. Tra questi due estremi si colloca il restante 60% delle aziende che sta sviluppando iniziative di rilievo ma limitate ad alcuni ambiti. La motivazione principale di questa scarsa maturità sembra essere legata ancora a una rigidità delle imprese e a un’inerzia al cambiamento non semplicemente superabili.

Cloud Communication budget - Politecnico di MilanoL’analisi del budget delle aziende del campione ha individuato una spesa per addetto pari 104 € nelle aziende molto grandi (con oltre 1.000 addetti), 187 € in quelle grandi (tra 250 e i 999 addetti) e 106 € per le PMI (tra 10 e i 249 addetti). Le previsioni degli investimenti per il 2012 in tale ambito, per le aziende del campione, sono di buona crescita (+5,2%), in decisa controtendenza rispetto al settore IT nel complesso.

Uno degli aspetti più innovativi che emerge dalla Ricerca di quest’anno è l’affermarsi di nuovi modelli di offerta in logica Cloud o UC&C as a Service. La Unified Communication & Collaboration, ad oggi, risulta infatti essere uno degli ambiti maggiormente predisposti per natura ad essere fruiti, almeno in parte, in modalità Cloud. Le evidenze della Ricerca mostrano come l’adozione del Cloud sia piuttosto diffusa nei diversi ambiti con percentuali di penetrazione che vanno dal 23% fino anche al 50% (l’E-Mail e i Calendari condivisi (52%), gli Unified Contact Center (46%) e i sistemi di Conferencing e Telepresence (36%). La Ricerca dell’Osservatorio mostra come la Unified Communication & Collaboration sia per i CIO un ambito di investimento strategico con un trend di crescita positivo e budget considerevoli, ma ancora caratterizzato da una limitata maturità nell’utilizzo.

Nel complesso la ricerca ha evidenziato che i trend tecnologici, come l’introduzione dei modelli as a Service e dei New Device e la progressiva maturazione delle soluzioni, spingono verso una maggiore matu­rità delle iniziative e potranno essere in futuro un driver di sviluppo delle soluzioni di Unified Communication & Collaboration. Per cogliere queste “opportunità”, però, le aziende devono rivedere le modalità con le quali tali iniziative sono concepite, lanciate e gestite in relazione alle priorità e alle strategie delle organizzazioni. Solo la coesistenza di un approccio organizzativo maturo con l’utilizzo di queste nuove tecnologie consentirà un utilizzo consapevole e strategico della Unified Communication & Collaboration, in grado di soddisfare le persone e innovare il business.

About Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

renzi referendum social media

La notte del Referendum sui Social Media, ecco come è andata

I Social Media hanno giocato un ruolo significativo in questa tornata referendaria, al punto che l'esito sul Referendum è stato centrato con un esito molto simile. Abbiamo analizzato la giornata di ieri notando che sommando gli hashtag più seguiti della giornata, si superano i 330 mila risultati. Ma vediamo insieme i dettagli.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend