web analytics
Il doodle di Google è per Little Nemo di Winsor McCay
Home | Events & Web Marketing | Il doodle di Google è per Little Nemo di Winsor McCay
Google-doodle-McCay

Il doodle di Google è per Little Nemo di Winsor McCay

Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Straordinario doodle di Google quello di oggi dedicato a Little Nemo in Slumberland, il celebre fumetto di Winsor McCay, fumettista e disegnatore americano, di cui oggi si ricordano i 107 dalla sua prima apparizione. In Italia Little Nemo era noto col nome di Bubi e fu pubblicato sul Corriere dei Piccoli dal 1912 al 1914

Google-doodle-Little Nemo McCay

Esattamente 107 anni fa, era infatti il 15 ottobre del 1905, compariva per la prima volta la striscia a fumetti di nome Little Nemo in Slumberland, Bubi nel Paese del Dormiveglia, sul New York Herald ad opera di Winsor McCay, disegnatore e fumettista, passato alla storia anche per essere uno dei primi a sperimentare l’arte dei disegni animati.

E per questa occasione Google diventa oggi una vera striscia a fumetti animata. Come potete vedere, tutto comincia con il primo doodle dal titolo Little Nemo in Google-Land e da lì parte la storia di questo bambino di 5 anni anni che ogni notte viveva delle storie fantastiche nei suoi sogni. Stavolta il sogno lo vive nel mondo di Google. Il tutto comincia col bambino che cade in buco e viene salvato dalla Principessa Camille, poi vive una piccola avventura all’interno della Google-Land, fino a cadere poi dal letto. Tutte le sequenze sono segnalate da un freccia verso il basso alla fine di ogni disegno.

Non è la prima volta che Google realizza un doodle così grande, lo aveva già fatto nel ricordare Gideon Sundback con una grande cerniera animata sulla homepage. Un’altra volta che utilizzò tutta la pagina fu nell’occasione di ricordare Stanislaw Lem.

In Italia, forse, non è molto conosciuto il piccolo Little Nemo, ma il fumetto arrivò anche nel nostro paese e fu pubblicato, dal 1912 al 1914, dal Corriere dei Piccoli, la prima rivista settimanale di fumetti dell’editoria italiana, pubblicata dal 1908 al 1995, famosa proprio per il fatto di pubblicare la versione italiana di celebri fumetti americani come il Gatto Felix, Felix The Cat, o Fortunello, Happy Hooligan.

Una curiosità, il doodle è visibile solo con browser aggiornati e di ultima versione, infatti non è visibile su Internet Explorer 7 e 8.

Sulla versione mobile il doodle è visibile in questa versione:

nemo12-hp

In basso tutto il doodle completo di oggi.

Google-doodle-Little Nemo Winsor-McCay

About Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

referendum costituzionale social media franzrusso it 2016

Social Media e Referendum, il No prevale ma il Sì recupera

La seconda, e ultima, parte dell'analisi di Blogmeter su come gli utenti social media hanno vissuto la campagna referendaria per il Referendum Costituzionale del prossimo 4 dicembre, evidenzia che il No prevale ancora ma il Sì in queste ultime settimane ha recuperato e ha accorciato le distanze.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend