web analytics
Ecco la classifica degli spot più popolari su YouTube nel 2011
Home | Events & Web Marketing | Ecco la classifica degli spot più popolari su YouTube nel 2011
youtube-logo

Ecco la classifica degli spot più popolari su YouTube nel 2011

Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Quando la pubblicità è anche entertainment. YouTube presenta la classifica degli spot più popolari del 2011 e al primo posto, per numero di visualizzazioni in Italia si piazza Acer, seguita da Fendi e Enel Energia. 17.2 milioni di visitatori al mese in Italia e oltre 48 ore di video caricati ogni minuto, questi alcuni numeri di YouYube

youtube-logoYouTube presenta la top 10 degli spot pubblicitari più popolari dell’anno appena trascorso, ossia, di quelli che, nel 2011, hanno registrato il maggior numero di visualizzazioni da parte degli utenti in Italia. Sicuramente li conoscete già e li avrete visti talmente tante volte che ormai da saperne a memoria ogni battuta. Hanno incuriosito, ispirato e anche divertito tanti. Ovviamente non stiamo parlando di film, ma di pubblicità. Infatti, è il caso proprio di dire quando la pubblicità diventa entertainment. La classifica è stata realizzata analizzando tutti i video pubblicitari che sono stati caricati su YouTube nel 2011 e evidenziando quelli che hanno ricevuto il maggior numero di visualizzazioni in Italia. Ecco i primi dieci:

1. AcerAspire– Acer Aspire S3 Ultrabook™ Story

2.  Fendi – The Whispered, Chapter 4: Fire – Trailer

3.  EnelEnergia – Tutto Compreso Green: spot ottobre 2011

4.  Cameo – Pizza Ristorante

5.  Volkswagen -The Force

6.  NastroAzzurro –  Say Yes Web Spot

7. NuovaFordFocus – Start More Than A Car

8.  NissanJuke

9.  NiveaVisage – Pure Effect Concorso MTV-EMAs

10.  Carrefour – Scegli la qualità

Il 2011 è stato un anno importante per l’online video advertising. Moltissime sono state infatti le aziende che hanno optato per questa forma di promozione che, più di ogni altra, registra un alto grado di coinvolgimento degli utenti. Tutti almeno una volta, abbiamo condiviso, commentato o anche solo espresso un semplice ‘mi piace’ ”, dichiara Francesca Mortari, Head of YouTube and Display di Google per l’Italia.E’ proprio alla luce di queste considerazioni che il video advertising sta cambiando: oggi più che mai le pubblicità si propongono come una forma di intrattenimento a tutti gli effetti. Complici di questo cambio di rotta sono anche i nuovi formati pubblicitari oggi disponibili, che coinvolgono ancor di più lo spettatore”.

youtube 2011Con oltre 3 miliardi di visualizzazioni ogni giorno nel mondo, più di 500 milioni di utenti unici, di cui 17.2 milioni al mese in Italia (fonte: Audiweb, ottobre 2011), e oltre 48 ore di video caricati ogni minutoYouTube è una vetrina ormai imprescindibile per aziende di ogni settore e dimensione.

Eppure, non tutti i video riescono ad innescare il fenomeno della viralità: come riuscirci? Proviamo a dare qualche suggerimento, magari già di vostra conoscenza, ma è utile riproporli:

Raccontate una storia

Per dare il via ad un processo virale, un video deve innanzitutto suscitare interesse: è bene quindi optare per una struttura narrativa, che crei attesa e curiosità nello spettatore.

Coinvolgete la Community

Il passaparola è fondamentale: favorite l’interazione tra gli utenti su piattaforme social come Twitter, Facebook e Google+, e consentite loro di postare commenti e condividerlo.

Create contenuti interessanti

Non esiste una unica ricetta. E’ possibile creare rifarsi alla stessa creatività utilizzata in TV oppure ispirarsi a formati o idee creative del tutto innovative come ad esempio video musicali spiritosi o mini serial  composti da brevi episodi.

Promuovete i video

I formati pubblicitari messi a disposizione da YouTube – dagli annunci  pre roll, ai formati in homepage, ai canali dedicati ai brand e tanti altri ancora – costituiscono un modo efficace per aumentare le visualizzazioni.

Scegliete le tag giuste

Il vostro video deve essere facilmente rintracciabile: selezionate dunque con cura le vostre tag, perchè saranno proprio le parole chiave a consentire agli utenti di risalire al vostro video nel momento in cui effettueranno una ricerca.

Rendetelo il più interattivo possibile

Sempre più spesso, gli utenti non si limitano ad una visione passiva ma “partecipano” attivamente con i propri click, intervenendo sul video stesso. Quindi, combinate al meglio tecnologia e creatività!

Il punto di forza di YouTube è proprio la flessibilità, ossia la capacità di offrire, su una singola piattaforma, un ampio spettro di strumenti di comunicazione ritagliati sulle esigenze del singolo brand. Non a caso i settori rappresentati nella classifica 2011 degli spot più visti spaziano dall’IT, alla moda, dall’auto all’energia: qualunque sia il messaggio, YouTube rappresenta, per ogni azienda, una modalità di trasmissione unica e di sicuro impatto, che consente di creare un rapporto diretto, continuo e duraturo con l’utente finale. 

 

About Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

referendum costituzionale social media franzrusso it 2016

Social Media e Referendum, il No prevale ma il Sì recupera

La seconda, e ultima, parte dell'analisi di Blogmeter su come gli utenti social media hanno vissuto la campagna referendaria per il Referendum Costituzionale del prossimo 4 dicembre, evidenzia che il No prevale ancora ma il Sì in queste ultime settimane ha recuperato e ha accorciato le distanze.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend