web analytics
Google+ sarà il fenomeno del 2012
Home | Events & Web Marketing | Google+ sarà il fenomeno del 2012
google-plus

Google+ sarà il fenomeno del 2012

Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Da sorpresa del 2011 a fenomeno social media del 2012. Questo è Google+, il social network di Google che partito in sordina adesso è capace di insidiare anche un colosso come Facebook. Ed entro il 2012 si prevedono 400 milioni di iscritti

google-plusNonostante la partenza non molto entusiasmante, dovuto soprattutto al fatto che fino al lancio di Google Plus, a Mountain View in fatto di social network non ne avevano azzeccata una, vedi anche la recente chiusura di Google Buzz. Ma da giugno del 2011 Google+ è andato avanti, comunque, nonostante molti, noi compresi, avanzassero dubbi sulla reale utilità di questo nuovo social network. E in effetti da subito G+ ha dimostrato che in casa Google forse avevano fatto centro, cominciando a riscuotere forte attenzione, poi considerazioni positive e poi un crescente numero di utenti registrati. E questo a detta di molti, ma forse anche nei dati di fatto, ha convinto Facebook a fare qualcosa dopo diverso tempo passato sugli allori. L’introduzione della Timeline, ma anche di altre funzionalità va letta in questo senso.

Google+ ha quindi cominciato a costruire una propria identità in un panorama regolato solo da Facebook. Ha introdotto le Brand Page, dedicate i brand che vogliono essere presenti anche su questa piattaforma, ma ha anche saputo diversificare la propria proposta realizzando aree per i politici in campagna elettorale, Google+ for Politics, oppure per le celebrità con Google+ for Celebs.

Ma la notizia è che in America Google, in questo caso il brand, avrebbe battuto facebook! Infatti, secondo Nielsen, Google nel 2011 avrebbe fatto registrare 153,4 milioni visitatori unici al mese, rispetto al gigante dei social network quale è facebook con 137,6 milioni.  Questo potrebbe comportare un riflesso nei confronti di Google+ che nella classifica dei primi 10 social network e blog Usa, guidata saldamente da facebook con appunto 137,6 milioni di utenti unici al mese, si piazza all’ottavo posto con 8,207 milioni di visitatori unici al mese. Ovviamente c’è ancora un grosso divario ma le potenzialità a queste punto sono tutte da sfruttare.

Infatti, secondo Bloomberg, il popolare sito di informazione finanziaria, stima che Google+ sta correndo alla media 625 mila nuovi utenti al giorno che a conti fatti potrebbero trasformarsi a fine 2012 in 400 milioni di iscritti! E pare che ad alimentare questa vertiginosa crescita sia il sistema operativo mobile di casa Google, Android, il quale rende più semplice le operazioni di iscrizione. Quindi se è vero come è vero che anche dal punto di vista mobile Google sta per vincere la sua battaglia anche in un settore molto difficle per via della supremazia dell’iPhone di Apple, automaticamente anche questo potrebbe portare vantaggio a Google+.

Era forse questa la strategia che Google stava cercando da tempo di mettere in atto? Cioè creare diverse directory in altrettanto diversi settori per poi farli confluire in maniera più o meno diretta in quello che diverrebbe il grande contenitore/social network?  A quanto pare sembra che lo stato dei fatti sia questo e sembra che solo adesso la si possa mettere in atto dopo tanti tentativi a vuoto. Per dare un dato degli utenti ad oggi, su parla di 40 milioni di utenti registrati, anche se girando cifre che parlano di 65 milioni di iscritti, ma non confermati.

Comunque sia, di sicuro Google+ si appresta a diventare in assoluto il vero fenomeno social del 2012.

E voi che pensate? State già usando Google+?

About Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

referendum costituzionale social media franzrusso it 2016

Social Media e Referendum, il No prevale ma il Sì recupera

La seconda, e ultima, parte dell'analisi di Blogmeter su come gli utenti social media hanno vissuto la campagna referendaria per il Referendum Costituzionale del prossimo 4 dicembre, evidenzia che il No prevale ancora ma il Sì in queste ultime settimane ha recuperato e ha accorciato le distanze.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend