web analytics
Home | Events & Web Marketing | Il doodle di Google è per le uova di Peter Carl Fabergé
Google doodle Faberge

Il doodle di Google è per le uova di Peter Carl Fabergé

Francesco Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Doodle classico e prezioso quello che vediamo oggi sulla homepage di Google. Infatti la dedica oggi è per i 166 anni della nascita di Peter Carl Fabergé, gioielliere e orafo russo, che divenne celebre per le sua opere più conosciute, le Uova d’Oro della famiglia imperiale russa

Google doodle Faberge

Peter Carl Fabergé nacque il 30 maggio del 1846 a San Pietroburgo ed è famoso nel mondo appunto per le sue Uova d’Oro che troviamo oggi nel doodle di Google.

Nel 1885, dopo aver affinato le sue abilità di gioielliere nell’azienda di famiglia, venne chiamato dallo zar Alessandro III di Russia, della dinastia dei Romanov, per realizzare dei doni preziosi che dovevano essere regalati dallo zar alla moglie di origine danese Maria Fyodorovna in occasione della Pasqua. E così in quell’anno venne realizzato il primo Uovo che conteneva una gallina d’oro.

Il design di ogni uovo era un segreto gelosamente custodito da Fabergé prima di essere definitivamente consegnato alla famiglia Romanov. Un pò come succede oggi per i gioielli hi-tech.

Fabergé continuò a disegnare e realizzare uova d’ro anche sotto il regno di Nicola II, successore e figlio di Alessandro III. La tradizione continuò fino alla Rivoluzione d’Ottobre del 1917, quando con la caduta della dinastia dei Romanov, Fabergè dovette fuggire trovando riparo in Svizzera.

Durante i 37 anni di regno dei Romanov, fabergè disegnò e realizzò 54 uova, di cui 47 sono sopravvissute fino ad oggi.

About Francesco Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

Albero-della-Vita_Expo-2015

Expo 2015 e Social Media, a giugno buzz in calo ma il sentiment resta positivo

Continua il nostro viaggio alla scoperta di come i Social Media vivono Expo 2015 in corso a Milano. Dopo i dati molto positivi diffusi dall’Osservatorio Expo 2015 Milano di Blogmeter il mese scorso, a giugno con i nuovi dati continua il trend positivo rispetto al sentiment che genera la manifestazione, anche se è in calo il buzz

Lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Condividi il post su