web analytics
INGV, Open Day sui terremoti per allontanare le teorie di Bendandi
Home | Events & Web Marketing | INGV, Open Day sui terremoti per allontanare le teorie di Bendandi
L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha trasformato la giornata di oggi, caratterizzata dalla, per fortuna, mancata previsione di Bendandi di un terremoto a Roma, in un Open Day dedicato ai terremoti con canali aperti in rete su Youtube e Freerumble.

INGV, Open Day sui terremoti per allontanare le teorie di Bendandi

Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha trasformato la giornata di oggi, caratterizzata dalla, per fortuna, mancata previsione di Bendandi di un terremoto a Roma, in un Open Day dedicato ai terremoti con canali aperti in rete su Youtube e Freerumble.

Come tutti sappiamo, la giornata di oggi è stata caretterizzata da quelle che dovevano essere le previsioni di Raffaele Bendandi, ossia di un devastante terremoto a Roma nella giornata dell’11 maggio 2011. Per fortuna, questo terremoto non c’è stato, anche se da ormai qualche giorno il mondo scientifico ha sempre tenuto a precisare l’infondatezza delle teorie di Bendandi. Ma, nonostante tutte le rassicurazioni, oggi molti romani hanno preferito allontanarsi dalla città. L’INGV ha così trasformato la giornata di oggi in Open Day, un’occasione per tutti i romani e non solo per assistere a tutte le fasi di gestione di un terremoto. Una giornata all’imsegna della divulgazione e della conoscenza che è possibile vederne i contributi sul canale ufficiale dell’IGNV su Yuotube e su Freerumble.

Circa duemila romani hanno invaso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), nella speranza di scampare il terremoto che non c’è stato. Insegnanti, studenti, mamme con passeggini, nonni, cittadini laziali hanno trasformato l’ansia della funesta previsione sismica in un’occasione di divertimento e di studio. A loro disposizione una squadra di quaranta ricercatori e tecnici altamente qualificati, che hanno spiegato come si verifica un terremoto, mostrando su modellini animati della crosta terrestre come le onde sismiche vengono registrate dagli strumenti al fine di elaborare le caratteristiche fondamentali: energia liberata dal sisma, epicentro, ipocentro, ecc..

Sono stati proiettati filmati sui fenomeni geodinamici che tengono in continuo movimento il nostro Globo, non solo terremoti, ma le grandi forze che spostano le placche terrestri e che generano anche l’attività vulcanica.

Graditissima da parte degli studenti la grande quantità di materiale didattico a disposizione su tutti gli argomenti della Scienza della Terra.

Per la curiosità dei numerosi colleghi, sia romani che di media stranieri, che hanno partecipato all’evento, l’Italia sismica comunque ha offerto le sue prestazione: anche oggi sono stati registrati, come tutti i giorni, 37 terremoti in tutta Italia, di magnitudo non superiore a 3 della scala Richter.

About Franz Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

renzi referendum social media

La notte del Referendum sui Social Media, ecco come è andata

I Social Media hanno giocato un ruolo significativo in questa tornata referendaria, al punto che l'esito sul Referendum è stato centrato con un esito molto simile. Abbiamo analizzato la giornata di ieri notando che sommando gli hashtag più seguiti della giornata, si superano i 330 mila risultati. Ma vediamo insieme i dettagli.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend