web analytics
Intervista a Bill Emmott, ex direttore de "The Economist"
Home | News | Intervista a Bill Emmott, ex direttore de The Economist
bill-emmott---intervista

Intervista a Bill Emmott, ex direttore de The Economist

Anna Maria Russo

Femmina e meridionale per nascita e genetica. Lavoratrice fuori sede di lungo corso. Vive in Calabria, in riva al mare. Appassionata di letteratura e scrittura. Tenace sostenitrice del libero pensiero, è co-fondatore del blog Tabule Rase

Latest posts by Anna Maria Russo (see all)

Vi proponiamo oggi un’intervista a Bill Emmott, personaggio molto noto al pubblico italiano per le posizioni prese nei confronti di Berlusconi all’epoca in cui dirigeva The Economist. Di recente ha realizzato insieme alla regista Annalisa Piras, il documentario “Girlfriend in a coma

Bill Emmott è uno dei “pensatori” più importanti del mondo e lo diciamo senza timore di essere smentiti. Direttore de “The Economist” dal 1993 al 2006, criticò più volte l’ex-Premier Berlusconi che, in uno dei suoi proverbiali e ormai tristemente storici exploit, lo definì “comunista!”.

Nell’ottobre del 2010 è stato pubblicato il suo libero “Forza, Italia: come ripartire dopo Berlusconi” in cui va a caccia dell’Italia Buona per differenziarla da quella “cattiva”.  Del 2012 è, invece, “Good Italy Bad Italy – Why Italy must conquer its demons  to face the future (Perché l’Italia deve vincere i suoi demoni per affrontare il futuro)”. Collabora con la “Stampa” e il “Times

Di recente ha realizzato insieme alla regista Annalisa Piras, il documentario “Girlfriend in a coma”.

Mr. Emmott, la fidanzata in coma è ovviamente l’Italia. Ci sono speranze per svegliarla e farla uscire dal coma o si tratta di uno stato irreversibile?

bill-emmottCertamente è reversibile. Ha bisogno di un consenso nazionale, la volontà di affrontare la realtà, la volontà di rimuovere tutte gli ostacoli auto-imposti al progresso.

Perché le intelligenze, i cervelli migliori del nostro Paese fuggono all’estero?

Perché l’Italia non riconosce il merito, e non offre opportunità.

Cosa vede nel nostro futuro? Un nuovo Governo Monti o un Governo politico? Secondo Lei cosa sarebbe meglio?

Vedo un Governo politico. L’Italia ha bisogno di un Governo forte, con una maggioranza parlamentare stabile. Suppongo che il nuovo Governo sarà una coalizione di centro-sinistra.

Per concludere, Mr. Emmott, se Berlusconi non fosse mai stato Premier, ora l’Italia si troverebbe in una condizione migliore?

Si, certo, Berlusconi è stato un grandissimo ostacolo al cambiamento, un sostenitore dello status quo antico.

Non è stato solo lui, ma l’opportunita’ per il cambiamento dopo Mani Pulite è stata bloccata, soffocata. La Buona Italia, la mia Ragazza, è stata messa in coma.

 Sito ufficiale di “Girfriend in a coma”  http://girlfriendinacoma.eu/.

(l’intervista è stata pubblicata su Tabule Rase)

About Anna Maria Russo

Femmina e meridionale per nascita e genetica. Lavoratrice fuori sede di lungo corso. Vive in Calabria, in riva al mare. Appassionata di letteratura e scrittura. Tenace sostenitrice del libero pensiero, è co-fondatore del blog Tabule Rase

Leggi anche

renzi referendum social media

La notte del Referendum sui Social Media, ecco come è andata

I Social Media hanno giocato un ruolo significativo in questa tornata referendaria, al punto che l'esito sul Referendum è stato centrato con un esito molto simile. Abbiamo analizzato la giornata di ieri notando che sommando gli hashtag più seguiti della giornata, si superano i 330 mila risultati. Ma vediamo insieme i dettagli.

Condividi la tua opinione

Lascia un commento

Send this to friend