web analytics
Cosa scrivere sul blog? 5 metodi per trovare argomenti efficaci
Home | News | Cosa scrivere sul blog? Ecco 5 metodi per trovare argomenti efficaci

Cosa scrivere sul blog? Ecco 5 metodi per trovare argomenti efficaci

Giacomo Freddi

Web Designer, Web Marketer, e Blogger si occupa della realizzazione di applicazioni web, siti web efficaci, strategie di blogging, marketing online, e di installazioni e supporto WordPress dal 2008. Fondatore di InternetBusinessCafe.it e upCreative.net

Latest posts by Giacomo Freddi (see all)

blog-metodi

Cosa scrivere su un Blog? Domanda classica che qualsiasi blogger agli inizi o anche più esperto, si pone. E oggi cerchiamo di fornire dei metodi che possono essere utili per essere sempre in grado di creare dei buoni contenuti per il vostro blog. Scopriamo insieme quali sono

Stai avendo difficoltà ad ottenere risultati con un blog? Non riesci a trovare delle idee per produrre contenuti efficaci?
Non sai cosa pubblicare? Per molti blogger la sfida più grande è quella di trovare argomenti di cui parlare, i giusti contenuti da trattare. Ma da cosa dipende?

A dire il vero sono molte le ragioni che causano questa sorta di stallo:

  • prima fra tutte è quella di non capire esattamente i bisogni dei propri lettori;
  • la seconda è la convinzione che i contenuti pubblicati nel blog devono trattare un’argomento completamente nuovo od originale.

E molti secondo me interpretano male questa affermazione. E’ vero che i contenuti devono essere originali, ma non gli argomenti.

Con i milioni di siti web presenti in rete, qualsiasi argomento è sicuramente già stato trattato in precedenza da qualcun’altro.

La soluzione a questa verità è che molto probabilmente TU non hai mai trattato quell’argomento e, più importante, che i tuoi lettori non hanno mai letto nulla su quell’argomento.

Pertanto, se vuoi creare un blog che ottenga risultati devi pubblicare ciò che interessa al lettore ideale (colui che vuoi attirare sul tuo sito), e trattare i problemi che LUI ha bisogno di risolvere.

Ma come puoi trovare ciò che interessa al visitatore? Quali sono le sue principali difficoltà, i dubbi e le sfide più grandi? Cos’è che lo tiene sveglio la notte?

Di seguito 5 metodi efficaci per capire quali contenuti pubblicare sul tuo blog, gli stessi che ho usato io per ottenere 12.000 € in soli 3 mesi con il mio blog personale.

1. Individua argomenti popolari

obiettivi consigli blog

Una delle strade più efficaci per capire quali sono gli argomenti che interessano al lettore è quella di osservare gli altri blog all’interno della tua nicchia.

In particolare dovresti fare attenzione ai post che ricevono un sacco di commenti e  ricondivisioni. Appena trovi un articolo di questo genere, hai trovato il giusto argomento di cui parlare, quello che REALMENTE interessa alla tua audience.

Di recente mi sono imbattuto in una tecnica molto efficace per studiare gli argomenti più interessanti di altri blog. E voglio condividerla con te.

Si tratta di Quick Sprout, uno strumento che fra le altre cose permette di analizzare quali sono i contenuti più popolari di un sito web, dal punto di vista delle ricondivisioni social.

Procedi come segue:

  1. individua 3 blog nella tua nicchia
  2. inserisci i loro URL all’interno del campo in questa pagina
  3. seleziona la tab “SOCIAL MEDIA ANALYSIS” e scorri fino ad arrivare alla sezione “PAGE LEVEL RESULTS”
  4. qui potrai vedere una lista dei post più condivisi sui vari canali ed ordinarli per quello che più ti interessa, oltre che per le ricondivisioni totali
  5. seleziona i primi 5 post di ogni blog

metodi blog

BOOM!

Hai già 15 argomenti “caldi” di cui parlare.

Ora puoi procedere e produrre per ognuno di essi un contenuto che espone la tua opinione sull’argomento, aggiungendo dei contenuti di valore. Potresti anche citare l’articolo originale con un backlink, che aiuta il lettore ad approfondire ciò di cui stai parlando.

2. Studia la parola chiave

metodi blog

Un altro metodo per scovare contenuti interessanti da pubblicare nel tuo blog è quello diricercare le parole chiave.

In particolare dovresti capire quali sono, all’interno del tuo settore, i termini maggiormente ricercati dai visitatori nei motori di ricerca, quando hanno bisogno di risposte su un determinato argomento.

Come già saprai, lo strumento più diffuso per analizzare la frequenza di ricerca delle parole chiave è il Google Keyword Planner.

Individua dei termini che hanno un volume di almeno 6000/7000 ricerche mensili.

Google Keyword Planner ha l’utilissima funzionalità di mostrarti una lista di idee per parole chiave aggiuntive semanticamente correlate a quella che hai inserito, che potrai utilizzare per scoprire nuovi termini e farti un’idea di quante volte vengono ricercate su base mensile.

Tieni presente che lo strumento tratta i plurali ed i singolari come due parole chiave distinte, pertanto effettua delle “doppie ricerche” per ognuna di esse.

Consiglio: per capire quali sono gli argomenti che potranno portare dei frutti anche a lungo termine, dovresti inserire i termini individuati in Google Trends, un ‘altro strumento di Google che permette appunto di monitorare il trend di ricerca di una o più parole chiave nel corso del tempo. Così facendo potrai capire se l’interesse del pubblico su quel determinato argomento è in declino o è ancora agli inizi.

Ovviamente punterai su quei termini che sono in fase di ascesa.

3.Partecipa attivamente sui social network e sui forum di discussione

metodi blog social media

Ascoltare i canali social è un’altra tecnica molto efficace per scoprire nuove idee ed argomenti da pubblicare nel tuo blog.

Puoi usarla a tuo vantaggio.

Tanto per citare alcuni esempi:

  • cerca su Twitter determinate parole chiave, salvando la ricerca e monitorando costantemente le discussioni che ottieni come risultato
  • iscriviti ai gruppi LinkedIn ed analizza gli argomenti maggiormente pubblicati e più popolari
  • osserva i gruppi Facebook della tua nicchia di interesse, individua i tipi di post che ottengono più “mi piace” e che vengono maggiormente commentati dai vari membri; i commenti stessi molte volte possono dare utilissimi spunti per nuovi contenuti
  • analizza, analogamente a Facebook, i link ed i post che ottengono più commenti e ricondivisioni su Google+

4. Considera la possibilità di un sondaggio

sondaggio metodi blogSe hai già costruito un’audience o una mailing list abbastanza grandi, effettuare un sondaggio potrebbe rappresentare una via molto efficace per scoprire cosa interessa maggiormente alla tua base di lettori.

Ecco due metodi molto rapidi per realizzare dei sondaggi:

  1. tramite Survey Monkey: creando un account gratuito
  2. tramite Google Drive: creando un nuovo documento di tipo “Form”

Mentre realizzi il tuo sondaggio, scegli una lista di domande contenuta, al quale l’utente possa rispondere in meno di 1 o 2 minuti, in modo da ottenere il maggior numero di risposte possibili.

Considera se dare in cambio una piccola risorsa gratuita per incentivare l’azione, di solito funziona molto bene.

Una volta preparato il sondaggio, invia una mail alla tua lista di contatti oppure scrivi un post sul tuo blog, dove chiedi di prendervi parte.

Ok. Ma quali domande effettuare nel sondaggio?

Indaga sui problemi dei tuoi lettori, sulle maggiori difficoltà e le loro principali frustrazioni.

Ti consiglio di prediligere le domande aperte: è incredibile quante cose si possono scoprire lasciando “parlare” liberamente.

Più specificatamente, puoi considerare di chiedere loro:

  1. Quali sono le tue domande più grandi su [la tua nicchia]?
  2. Quale argomento su [la tua nicchia], che non hai mai visto da altre parti, vorresti che venisse trattato?

5. Insegna quello che sai

studio metodi blogIndipendentemente dal metodo che utilizzerai per ascoltare le principali esigenze della tua audience, devi focalizzarti sul fatto che i contenuti più interessanti maggiormente per il lettore sono quelli che risolvono i SUOI problemi.

Per risolvere i problemi dei visitatori devi insegnare loro qualcosa:

cos’è che sai o hai imparato di recente e con cui puoi educare la tua audience?

Insegna tutto quello che sai o che stai imparando in questo momento, pubblicandolo sul tuo blog.

Pensa ai maggiori blog e blogger nella tua nicchia: sono sicuramente i più talentuosi, i più esperti e quelli con maggiori qualità?

Forse per alcuni è così, ma la maggioranza di loro sono persone mediocri, che probabilmente si trovano al pari di molte altre nel proprio settore.

La differenza sta nel fatto che loro pubblicano tutto ciò che sanno: in qualsiasi settore, le figure più conosciute sono quegli individui che insegnano.

Ogni volta che apprendono qualcosa di nuovo, lo condividono con gli altri, proprio come ho fatto io mostrandoti Quick Sprout nel primo punto di questo articolo, uno strumento che ho scoperto solamente qualche giorno fa.

Insegnare è di fatto il modo più diretto e veloce di posizionarsi come un’esperto, ed il blog è uno strumento incredibilmente efficace per poter insegnare.

Non aver paura di condividere la tua conoscenza con chiunque: ciò non vuol dire che stai regalando informazioni, quanto piuttosto che stai guadagnando autorità.

Conclusioni

Se vuoi trovare argomenti efficaci per creare un blog di successo allora dovresti individuare argomenti popolari, studiare le parole chiave, partecipare attivamente sui canali social, scoprire cosa interessa alla tua audience. Il tutto mentre insegni tutto quello che sai.

Infine, posizionarti come esperto e guadagnare autorità, sono due elementi chiave per lacreazione di un blog ed ottenere risultati.

Ed ora?

Se vuoi sapere di più sugli elementi essenziali per creare un blog di successo, puoi scaricare gratuitamente l’e-book gratuito che trovi a questo indirizzodove ho incluso gli stessi punti fondamentali che ho seguito personalmente per il mio blog.

About Giacomo Freddi

Web Designer, Web Marketer, e Blogger si occupa della realizzazione di applicazioni web, siti web efficaci, strategie di blogging, marketing online, e di installazioni e supporto WordPress dal 2008. Fondatore di InternetBusinessCafe.it e upCreative.net

Leggi anche

whatsapp per windows mac

WhatsApp introduce l’app desktop per Mac e Windows

A distanza di poco meno di un anno dal lancio di WhatsApp web per iOS, che seguì il lancio per Android, WhatsApp introduce oggi anche l'app per desktop, sia per Mac che per Windows. Una estensione dell'esperienza d'uso dell'applicazione di messaggistica istantanea che da mobile si estende adesso anche verso i dispositivi fissi.

Lascia un commento

7 comments

  1. Ottimi consigli che in questo momento ci volevano proprio! Tempismo perfetto 😉

  2. Bravo, ottimo articolo!
    Sono dei consigli alquanto utili per superare in maniera creativa il blocco dello scrittore e per realizzare materiali originali e di valore: grazie anche per il suggerimento di Quicksprout, già lo utilizzavo ma non avevo pensato a sfruttarlo in questa maniera!

  3. Ciao Ilario,

    Grazie dei complimenti, fanno sempre piacere 😉

    Sono contento che l’articolo ti sia stato utile!

    Giacomo

  4. Secondo me qui si tocca un argomento davvero importante, cioè il “servizio”. Insegna quello che sai, magari anche con gioia e in modo disinteressato, può veramente fare la differenza. Conosco casi di persone davvero appassionate ad un argomento, che pur prive di conoscenze tecniche approfondite, sono riuscite ad affermarsi in settori ipercompetitivi, semplicemente avendo il desiderio di essere d’aiuto. L’atteggiamento conta tantissimo.

  5. Ciao Michele, grazie per il commento.

    Hai colpito nel segno 🙂

    Giacomo

  6. Grande Giacomo.

    Non conoscevo Quicksprout. Fantastico!

  7. Ottimo articolo, grazie per i consigli . Proverò Quick Sprout per il mio nuovo sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *