web analytics
Twitter e gli account verificati (o quasi). Il caso Murdoch
Home | Events & Web Marketing | Twitter e gli account verificati (o quasi). Il caso Murdoch

About Francesco Russo

Consulente web e social media, content manager e blogger. Nel 2008 apro questo blog per osservare come la comunicazione stia cambiando con i social media

Leggi anche

google doodle william shakspeare

Google celebra William Shakespeare con un doodle

Google con il doodle che vediamo oggi in homepage celebra una tra le più importanti figure culturali a livello globale in occasione dei 452 anni dalla nascita: William Shakespeare. E dopo sette anni, Google decide di celebrare il poeta e drammaturgo inglese da solo, infatti l'ultima volta, nel 2009, venne celebrato con un doodle insieme a San Giorgio, patrono d'Inghilterra.

Lascia un commento

6 comments

  1. Era stato un portavoce della stessa News Corporation a confermare l’autenticità dell’account (fonte: Guardian).
    La domanda dovrebbe essere: ma marito e moglie si parlano? E Murdoch con i propri portavoce? E Murdoch col suo amico Dorsey?
    Oppure c’è dell’altro?

  2. Intanto ti ringrazio per le precisazioni che sinceramente lasciano ancora più stupiti! Il portavoce dell’azienda del marito che garantisce l’account della moglie che invece è fasullo, sembra quasi una barzelletta ma è vero! Ha dell’incredibile già questo anche se non sono poi così convinto  dell’idea dell’operazione riparatrice, ma forse hai ragione tu.
    Altro fatto, che aggiunge dell’incredibile, è che anche Twitter cade nel tranello e se seguo la tua strada, Twitter sarebbe stato al gioco. Non trovi, come nei fatti è accaduto, che sia stata una mossa un pò rischiosa? A tal punto che adesso si arriva a dubitare come faccia twitter a verificare gli account? Il mistero si infittisce…

  3. Sembra fanta-socialmedia. D’altronde, Dorsey è amico stretto di Murdoch, quindi qualche sospetto viene…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *