web analytics
- Pubblicità -
Home InFinance Betty Blue supera il lockdown con fatturato in crescita

Betty Blue supera il lockdown con fatturato in crescita

betty blue elisabetta franchi collezione
- Pubblicità -

Betty Blue, il brand di Elisabetta Franchi, supera il lockdown chiudendo il primo trimestre in crescita con un fatturato di 37,9 milioni di euro, in crescita rispetto allo scorso anno. Numeri interessanti in vista della business combination con Spactiv.

- Pubblicità -

Dopo aver chiuso il 2019 con numeri interessanti, Betty Blue, il marchio fashion di Elisabetta Franchi, fa registrare numeri molto positivi anche nei primi tre mesi di quest’anno, caratterizzati, come sappiamo, dal lockdown a seguito della pandemia da Covid-19. È la dimostrazione che il brand è in forte crescita e i numeri attuali ne sono una ulteriore conferma. Il brand continua a crescere e da dati si evince che questa crescita è anche trainata, in questa fase, dall’e-commerce e dalla crescita a livello internazionale. Caratteristiche che fanno di Betty Blue di Elisabetta Franchi un’azienda solida con forte potenziale di crescita che ha saputo affrontare il lockdown con lucidità, velocità e facendo leva sui pilastri (finanza, leva operativa e brand) caratterizzanti il business model, in vista della possibile business combination” con Spactiv.

betty blue elisabetta franchi collezione

Vediamo adesso un dettaglio dei numeri di questo ultimo trimestre:

  • Fatturato del primo trimestre 2020: € 37,9 milioni, in crescita di € 1,0 milioni ossia del 2,7% rispetto al primo trimestre 2019.
  • BITDA del primo trimestre 2020: € 9,2 milioni, pari al 24,4% del fatturato, in crescita di € 0,8 milioni ossia del 10,0% rispetto al primo trimestre 2019.
  • EBIT del primo trimestre 2020: € 8,6 milioni, pari al 22,7% del fatturato, in crescita di € 0,9 milioni ossia del 12,1% rispetto al primo trimestre 2019.
  • Liquidità Netta al 31 marzo 2020: € 8,62 milioni, al netto di € 6,0 milioni di debiti.
  • Consistenza del magazzino al 31 marzo 2020: € 21,3 milioni.

La liquidità netta di 8,6 milioni di euro e l’aumento di fatturato del 2,7% in un momento storico particolarmente difficile, sono dati che stanno ad indicare la solidità di Betty Blue.

Come si evince dai dati per canale e area geografica, qui in basso, a fronte di un calo delle vendite al dettaglio del 16,3%, un numero tutto sommato di tutto rispetto, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le buone performance di Betty Blue arrivano dall’e-commerce (+31,5% rispetto al 2019), che si rivela canale strategico per il brand in una fase critica come quella generata dal lockdown, e dai ricavi generati dai paesi “extra UE”.

Online ed internazionalità sono e rimangono grandi potenzialità di crescita per il brand, al di là del primo trimestre caratterizzato da gennaio e febbraio in cui l’azienda ha performato al di sopra delle aspettative di budget e  marzo che ha sofferto per il lockdown attivato in tempi diversi in tutti i paesi. Da notare che la non presenza in Cina ha fatto sentire l’impatto negativo sull’azienda tardivamente rispetto ad altri brand del lusso e nello stesso tempo la non presenza in America fa si che attualmente  l’impatto sia meno forte rispetto ai competitors presenti nel mercato di oltre oceano.

.

dati trimestrali vendite betty blue

Rispetto a questi numeri e alla situazione attuale, Betty Blue ha comunicato a Spactiv altri dati che spegnano una situazione sempre molto attiva.

La sede del brand e la catena produttiva e logistica di Betty Blue sono tornate operative dal 4 maggio scorso, dopo essere state chiuse a partire dal 25 marzo, mentre l’imprenditrice Elisabetta Franchi e il top management sono stati ininterrottamente operativi. Tutti i punti di vendita diretti sono tornati operativi e sono stati chiusi dal 12 marzo al 18 maggio.

Alcuni punti di vendita in franchising sono ancora chiusi in Medio Oriente,
con data di apertura ancora da definire; al fine di mitigare gli effetti del lockdown, la
chiusura della stagione di vendita al cliente finale della collezione Primavera-Estate 2020
è stata posticipata, con inizio dei saldi in Italia il 1° agosto, su iniziativa delle Regioni.

Le campagne vendita delle collezioni principali per la Stagione Autunno-Inverno 2020
(“Pre” e “Main”) si sono concluse prima del lockdown e hanno generato un backlog di ordini
inizialmente in linea con le migliori aspettative. Sono state tuttavia successivamente avanzate richieste straordinarie di annullamento e/o riduzione degli ordini già effettuati
tuttora in corso di negoziazione. Prudentemente l’azienda ha deciso di tagliare gli ordini del 25%, contando sul fatto che se durante il periodo di sell’out ci sarà la necessità di produrre ulteriore articoli, l’azienda è in grado di produrre e consegnare in ben solo tre settimane.

betty blue elisabetta franchi corporate

Anche per quanto riguarda le consegne della collezione Primavera-Estate 2020 sono state
ricevute richieste straordinarie di annullamento e/o riduzioni di ordini: l’azienda ha deciso di utilizzare un suo punto forte, ovvero la posizione di liquidità, per chiedere di non annullare gli ordini a fronte della possibilità di pagare in tempi maggiormente dilazionati.

La pipeline prevista per il 2020 di 10-12 aperture di negozi monomarca, tra negozi di
proprietà e franchising e outlet in mercati esteri è confermata, sebbene con alcuni, comprensibili, ritardi.

Insomma, Betty Blue dimostra di essere un’azienda solida e di aver saputo affrontare il primo trimestre di quest’anno nel migliore dei modi.

Un buon biglietto da visita in vista della business combination con Spactiv.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.