web analytics
Social Network e Web: benvenuta Autostima!
Home | InSideWeb | Social Network e Web: benvenuta Autostima!

Social Network e Web: benvenuta Autostima!

Francesca Ungaro

Webwriter e Content Manager. Psicologa Clinica.
Ho lavorato come Responsabile della Comunicazione Corporate. Psicologia e scrittura sono le realtà che si intrecciano da sempre nella mia vita.

L’Autostima è fondamentale sul Web e sui Social Network perché dà vita alla creatività, all’Innovazione e a una comunicazione efficace. E’ quel sentimento di adeguatezza interiore che ci fa sentire felici per quello che siamo. L’Autostima non si impara: dobbiamo soltanto permetterci di essere noi stessi.

Quando pensiamo alle conseguenze negative di lavorare sul Web o di stare ore e ore sui Social Network, ci viene subito in mente la tanto citata FOMO, la Dipendenza, i Disturbi Depressivi che si creano soprattutto negli adolescenti. Ne abbiamo parlato recentemente qui: I Come e i Perché della vera Dipendenza da Internet – Adolescenti e Social Network, sempre più dipendenti – FOMO, più aumenta l’uso di Internet e più cresce il fenomeno.
La depressione che può farsi strada dipende dal nostro sentirci inadeguati soprattutto a causa della quantità di Like, Condivisioni, Follower, Retweet.
Crediamo di non essere all’altezza di chi fa il nostro stesso lavoro, ma lo fa con successo.
Noi non valiamo così tanto. Nonostante ogni sforzo, anche dando il meglio di noi, non raggiungeremo mai il successo e i traguardi degli altri.
Non saremo mai abbastanza bravi.

social media autostima web franzrusso.it 2016

Naturalmente, si tratta di un senso di inadeguatezza del tutto interiore.
Non sono i nostri risultati a non valere, ma la percezione che noi stessi abbiamo di ciò che facciamo e di ciò che siamo.
Chi decide l’altezza dell’ “asticella” del successo? L’altezza superata la quale finalmente possiamo essere soddisfatti e fieri di noi, sentirci vincenti?

Possiamo nasconderci dietro a una risposta parzialmente vera: la società.
Sì, è vero che la società – ancora nel terzo millennio – detta regole più o meno scritte su cosa sia vincere e su chi sia una persona vincente. Quel modello da imitare che non raggiungeremo mai.
Tuttavia – al di fuori dei campi della Moda e del Business – cosa c’entriamo Noi, la nostra personalità, le nostre emozioni e aspirazioni con queste regole per ottenere il successo?

La sfida, in altre parole, è quella di spostare l’asticella del valore in un campo di analisi diverso: quello di essere soddisfatti per quello che siamo.
Sentirci all’altezza comunque. Godere di Autostima.
L’Autostima è quel sentimento di adeguatezza interiore che trascende il giudizio altrui, le aspettative degli altri, le regole sociali dominanti. Ci fa stare bene così come siamo. Esattamente dove e come siamo e per quello che sappiamo fare.

Si vive e si lavora al meglio di noi, se godiamo di Autostima.
In particolare sul Web e sui Social Network, dove la Creatività è fondamentale, dove l’Innovazione nasce spesso dalla mente di un singolo per diventare progetto comune, dove la Comunicazione più efficace è quella in cui il lettore respira la sicurezza di chi scrive.
Non si tratta di una sicurezza sempre dovuta a competenza.
Molto più spesso chi scrive con successo – e ci porta a leggere il post fino alla fine – è chi riesce a catturare la nostra attenzione perché sa raggiungere e toccare le nostre emozioni.
Comprendendo le nostre esigenze e provando empatia per le nostre esperienze.
Non a caso, si tratta sempre di una persona che, a sua volta, è a proprio agio con se stessa e con le proprie emozioni, una persona che non ha paura di mettersi in gioco e ha una sicurezza emotiva sufficientemente forte da venirci incontro.

L’Autostima non ha bisogno di discutere di adeguatezza o meno.
E’ un fortino in cui i nostri ragionamenti e i nostri sentimenti si scambiano di ruolo e giocano senza timore di fallire.
Non esiste un valore o un modello di successo: ci fortifica e ci rende felici di essere sempre e comunque all’altezza per quello che siamo.

Felici. Ma che cosa vuol dire?
La felicità è un’emozione che per lo più ci spaventa, perché abbiamo il timore di doverla pagare.
Difficile che si parli di felicità, difficile soprattutto saperla definire.
Si può essere felici per un attimo soltanto o si può intendere la felicità come soddisfazione di se stessi.
Dunque, un sinonimo di Autostima.
Descritta così, sembra un traguardo possibile. Più semplice di quello che si pensi.

Sicuramente il primo passo sta nel non averne paura.
La maggior parte degli esseri umani, paradossalmente, è invece spaventata dalla felicità.
E poi?
C’è un’altra parola che ricorre frequentemente quando si parla di Autostima: Aspettativa.
Chi soffre di mancanza di Autostima è sempre il peggior giudice di se stesso.
Duro, severo.
Irrigidito da aspirazioni che si auto impone, che sono talmente vicine a quella Perfezione che blocca ogni movimento, ogni cenno di creatività, ogni gesto spontaneo.

Facciamo insieme un esercizio molto pratico.
Proviamo a sostituire nel nostro linguaggio comune – parlato e scritto – la parola “dovere” con le parole “volere, scegliere, potere“.
Chi gode di Autostima decide di sé e della propria vita e ne è per lo più soddisfatto.
Sceglie lui quello che vuole.
Sembra un esercizio sciocco, ma ci accorgeremo subito che non è per nulla facile.
Il senso del dovere uccide il carattere spontaneo.
E col tempo ce ne siamo anche fatti una ragione.
O meglio, una giustificazione.
Perché se dobbiamo comportarci in un determinato modo e dobbiamo rispettare regole e retaggi del passato, è molto più facile vivere la quotidianità.
In fondo, basta fare il proprio dovere e saremo appagati.

Ben altra responsabilità e ben altro coraggio sono necessari se decidiamo di ascoltare e mettere in gioco le nostre emozioni, la nostra creatività, il nostro istinto.
Scegliere una strada piuttosto che un’altra implica una presa di coscienza del tutto diversa, dettata dalla nostra pura volontà, soggetta a possibili errori, fallimenti e giudizi esterni.
Per poterlo fare occorre aver maturato un’Intelligenza Emotiva sufficiente ad essere profondamente convinti che sono le aspettative che si devono adeguare a noi, e non il contrario.

E’ un esercizio di sentimenti: in realtà, non esiste forza senza debolezza.
Così come non potremo mai essere soddisfatti di noi e felici se lasceremo le redini della nostra vita agli altri.
Non serve affatto sforzarsi di essere più forti per provare Autostima.
E’ tutto molto più conciliante, più realizzabile.
Più facile.
L’Autostima si basa sul nostro mondo interiore e su quello che vogliamo veramente.
Non si impara.
Non si adegua.
Nasce da aspettative autentiche, che corrispondono alle nostre reali capacità e ai nostri sentimenti.
Siamo unici al mondo proprio per quello che siamo.
Dovremmo soltanto imparare a concederci di esserlo.

About Francesca Ungaro

Webwriter e Content Manager. Psicologa Clinica. Ho lavorato come Responsabile della Comunicazione Corporate. Psicologia e scrittura sono le realtà che si intrecciano da sempre nella mia vita.

Leggi anche

narcisismo selfie web

Il Narcisismo sul Web: lo demonizziamo?

Il Narcisismo, come modalità di comportamento e di comunicazione, emerge fortemente sul Web che sui Social Network, tanto che si dice che questa sia l'Era della Personalità Narcisistica. Che cosa sta dietro, tuttavia, ad un carattere narcisista? E' giustificabile, secondo voi?

Lascia un commento

2 comments

  1. Finalmente un post che non spiega come diventare un blogger di successo in 10 mosse, ma spiega la dinamica che c’è dietro alle 10 mosse per ottenere il successo.
    Una lettura illuminante, in cui mi ci ritrovo in pieno.

  2. Francesca Ungaro

    Cara Marlene,
    Ti ringrazio moltissimo del tuo complimento! Sono sempre molto felice quando posso raggiungere gli animi delle persone e dare loro suggerimenti utili!
    Buona giornata e grazie ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *